RECENSIONE  In copertina
PRESENTAZIONE
Progetto
Profilo
Recensione

SELEZIONE
I Francescani
L'Immacolata
Le navate
Le sei Pale

IL PITTORE
Pietro Saltini
Acronimi e firme
Galleria
Epistolario
Ricerche

SAGGI
Filosofia
Estetica
Etica
Storia
Biografie
Zibaldone

Itinerari
In vetrina

STUDI
Bibliografia
Archivi
Album
Iconografie

Home page


ISBN 88-86974-11-6

Volume in 18°, pagine 210, copertina plastificata a due bandelle, rilegatura brossure, carta patinata, numerose illustrazioni a colori e b. n., documenti, indici, bibliografie. € 14,50

 

LUCIO PUGLIESE EDITORE

Tipografia "Il Bandino"

Firenze, Giugno 2002

Le PALE DI PIETRO SALTINI 

NELL’IMMACOLATA DI PIOMBINO 

SUGGESTIONI FRANCESCANE TRA STORIA E METAFORA

Percorrendo un paziente cammino di ricerca, Anna Maria Melecrinis ricostruisce i rapporti tra il pittore Pietro Saltini e i Francescani di Maremma. La narrazione evoca le malinconie del tempo, le lotte politiche e sociali in un’Italia sconvolta dalle ingiustizie di classe. Sullo sfondo è Piombino con le sue contraddizioni, tra l’azzurro  del mare, la natura selvaggia, le ciminiere, gli splendori della storia e la povertà disperata del proletariato industriale. Un amore senza confini riconduce i Minoriti nell’antico Porto Falesia, divenuto terra di Missione. Attraverso le più aspre vicissitudini, gli ideali francescani guidano quel popolo, che ha dimenticato il bisogno di infinito. In antitesi alle sofferenze dell’uomo, l’Immacolata appare come il simbolo di una preghiera alla Vergine e tale è la suggestione estetica espressa da Pietro Saltini negli Altari Minori. Tra sogno e realtà, ispirate agli Analecta Franciscana, le sei Pale sono illustrate nella loro complessità dottrinale. La Saggista affronta i contenuti storici e filosofici delle grandi tele, talora uscendo dalle rappresentazioni per rientrarvi subito dopo, con l’intenzione di analizzare i significati espressi nella iconoteologia di un pittore cattolico, ormai malato e amareggiato da un secolo decadente. Dopo cento anni il libro rompe un silenzio che ha reso arcane quelle opere, definite dai coevi “i capolavori sublimi di un Artista glorioso”.

Heidelberg, Biblioteca Universitaria: 2002 C 3181. Livorno, Biblioteca Labronica F. D. Guerrazzi: 270634 (inventario); collocazione 759.5-O-247: visualizzabile catalogo SBN n. LIA 247122. Prato, Biblioteca Lazzaroni Coll. C 759400 Sal 1

lucio.pugliese@inwind.it