PROFILO  Incontro con l'autrice
PRESENTAZIONE
Progetto
Profilo
Recensione

SELEZIONE
I Francescani
L'Immacolata
Le navate
Le sei Pale

IL PITTORE
Pietro Saltini
Acronimi e firme
Galleria
Epistolario
Ricerche

SAGGI
Filosofia
Estetica
Etica
Storia
Biografie
Zibaldone

Itinerari
In vetrina

STUDI
Bibliografia
Archivi
Album
Iconografie

Home page



Piombino 21 settembre 2002, Galleria d'Arte Moderna, incontro con l'autrice, cerimonia conclusiva. 

ANNA MARIA MELECRINIS

Laureata alla facoltà di Lettere e Filosofia della Sapienza di Roma, docente di Filosofia, vive a Treviso. Si occupa di studi storici e archivistici, filosofici ed estetici. E’ relatrice di conferenze su temi di filosofia e pubblica articoli di bioetica.

Figlia di un poeta, appassionata di letteratura, musica e arte, ha coltivato la pittura, esponendo in Friuli e nel Veneto. Attualmente si dedica alla riscoperta del Positivismo, del Realismo e della cultura sociale italiana del secondo Ottocento.

Dai Codici Capitolari dell'A. S. F. sviluppa argomentazioni originali intorno ai luoghi, alle Compagnie di Misericordia, alle solitudini francescane, alle Pievi dell’amata Toscana, che ella ritiene patria di elezione e fonte inesauribile di ispirazione.

Biografa del pittore Pietro Saltini, ha scritto “Le Pale di Pietro Saltini nell’Immacolata di Piombino. Suggestioni Francescane tra storia e metafora”, edito a Firenze nel luglio 2002 da Lucio Pugliese.

Il "lavoro attento e sensibile", accolto con interesse dal mercato estero e importato da Michael Shamansky di New York, è stato segnalato nella classifica dei primi dieci venduti, come “…nuovo il libro di critica d’arte… riscoperta di un tesoro nascosto”. 

Il contributo inedito sul ciclo degli altari centenari,  presentato a Piombino dall’Assessorato alla Cultura e Beni Culturali, è stato commentato dall'Assessore Pablo Gorini e dal critico Andrea Baldocchi. Apprezzato dal Direttore Carlo Sisi, è entrato nella Biblioteca della Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti e nella Universitatsbibliothek di Heidelberg. Tra le acquisizioni italiane ricordiamo: la Nazionale di Firenze, l’Isolotto, il IV Quartiere, la Lazzerini di Prato, la Foresiana di Portoferraio, la Labronica di Livorno, le Comunali di Alessandria e di Bolzano. 

Dopo il recente saggio pubblicato in “Vaglia. Le  vicende, i luoghi, i personaggi”, con la sovvenzione dell’Assessorato ai Beni Culturali è in stampa il  volume "Omaggio a Vaglia. Memorie, Confraternite, Immagini di un castellare fiorentino". Le rivelazioni documentate sono già connesse al prossimo restauro della Pieve di San Pietro. 

Sono in fase di ultimazione: la tesi sul mistero dei “Polittici all’Incontro”, “Il Paradigma sul Vero in Arte” e la monografia “Έpphetà nell’Istituto Gualandi di Firenze”.